51qpImvkWsL._

Condominio R39: al di là del genere

di Michele Turazzi

Se n’è parlato dell’esordio di Fabio Deotto, e se ne è parlato bene. Quotidiani, riviste, siti letterari e via discorrendo non si sono lasciati sfuggire un romanzo che colpisce nel segno. In questa profusione di parole c’è una cosa che però resta utile ribadire: Condominio R39 non è un giallo, non è un horror, non è un noir e – in definitiva – non è un romanzo di genere.

Articoli Recenti

  • Lei: nessun aggiornamento sull’amore

    7303

    di Massimo Cotugno

    Nel 1927, nel film Metropolis, il mondo assiste alla stupefacente nascita della donna robot, sinuosa creatura metallica pronta a scatenare il caos con la sua anarchica carica di lussuria. Nel 2014, nel film Lei, il protagonista Theodore, seduto di fronte al pc, nel silenzio ovattato del suo salotto, installa Samantha, sistema operativo dotato di coscienza, pura voce in grado di apprendere qualsiasi cosa, persino amare.

  • Con la penna e con la spada

    big

    di Matilde Quarti

    2011, Festival di Hay, all’ombra di un affollato tendone beve il suo bravo bicchiere di vino V.S. Naipaul, poco lontano Paul Theroux bisbiglia all’orecchio di Ian McEwan indicando l’ex amico, che non gli parla da quindici anni. A onor delle cronache Theroux parrebbe reo di aver avuto un’avventuretta con la moglie di Naipaul e McEwan, Maestro Yoda della letteratura americana, Gandalf del postmoderno, capisce che è arrivato il momento di dispensare un po’ di saggezza citazionista: «la vita è troppo breve per portarsi dietro rancori senza fine» decreta, neanche troppo sibillino, a Theroux.

  • Perché ci ricorderemo di Ivo Brandani

    Pecoraro 2

    di Giacomo Raccis

    Ci ricorderemo a lungo di Ivo Brandani.
    E non potrebbe essere altrimenti, visto che su di lui si concentra tutta la forza narrativa di La vita in tempo di pace, ultimo romanzo di Francesco Pecoraro, che consegna ai lettori un’opera complessa e ricca, sfaccettata e unica, come la psicologia di ogni uomo. Opera emblematica, d’altra parte, perché Ivo Brandani si presenta come uomo del suo tempo e che del suo tempo, il tempo di pace, sembra incarnare tutte le contraddizioni.

  • Sixto Rodriguez: il tempo dei miracoli e dello stupore

    Sixto cover

    di Francesco Casati

    La storia assurda di Sixto Rodriguez, “Sugar man”, cantante fallito che a trent’anni dal suo ultimo disco scopre che in Sudafrica è più famoso di Elvis Presley ed è diventato un simbolo della lotta anti-apartheid. Dall’In-Between di Detroit, dove suona di spalle al pubblico perché si vergogna ad esibirsi, al documentario dedicatogli da Malik Bendjelloul, premiato con un Oscar.

  • La deutsche vita: l’invasione degli ultraspaghetti

    show_img

    di Massimo Cotugno

    Se ne parlava da giorni. Un documentario sugli italiani a Berlino, finalmente qualcuno prova a raccontarla sul grande schermo questa nuova stagione di migrazioni, sempre più crescente negli ultimi anni. Il titolo, poi, azzeccatissimo: La Deutsche Vita, quasi fosse l’insegna di un ristorante italiano in Germania, allo stesso tempo scontato e perfetto nel fotografare la Berlino attuale, una città per certi versi speculare alla Roma felliniana tra gli anni cinquanta e sessanta.

  • # Dobloni 4 – Luciano Canfora l’Italia e l’Europa

    Luciano Canfora

    di Davide Saini

    Per la serie “Dobloni”, sporadici e incostanti per definizione, vorrei riportare una parte del bel libretto di Luciano Canfora “È l’Europa che ce lo chiede!” FALSO. Si tratta di un breve testo in cui lo storico e filologo si impegna in un tentativo di interpretazione dell’evoluzione socio-economico-politica dell’Italia. Le conclusioni di Canfora possono essere condivisibili o meno (a mio avviso più pungenti nell’ambito politico e storico rispetto a quello economico forse eccessivamente semplificato); ma si tratta di sicuro di un testo che attiva il pensiero e spinge a costruire quella visione d’insieme che tanto avremmo bisogno almeno di abbozzare.

  • Yumen

    yumen

    di Sergio Peter

    Girato in 16mm da tre registi, JP Sniadecki, filmmaker e insegnante, Xu Ruotao, artista, e Huang Xiang, artista e performer, montato durante il Festival del cinema indipendente di Pechino del 2012, per via del fatto che venne proprio lì impedita dal governo la proiezione di tutte le opere presentate in concorso. Girato nella città fantasma di Yumen, passata da 200.000 a 8.000 abitanti dopo l’esaurimento dei pozzi di petrolio e lo spostamento in massa della popolazione da parte delle autorità locali. Così spiega Sniadecki.

  • COME FOSSI SOLO di Marco Magini

    Come-fossi-solo-copertina-marco-magini-630x280

    di Davide Saini

    Come fossi solo è un libro di esordio, ma sin dalle prime pagine dimostra di non aver bisogno di nascondersi dietro questa attenuante. Magini lotta su due fronti strettamente collegati: quello storico e quello dello studio dell’umanità.

  • Poesie-sosta nel purgatorio di Magrelli

    Lisbona 1996 © Giuseppe Varchetta

    di Damiano Sinfonico

    Sarà una provocazione ma è noto che uno dei libri più originali della nuova stagione sia stato scritto pubblicato da un Magrelli appena ventitreenne, entrato fin dall’esordio nel catalogo Feltrinelli, anno 1980. E da poche settimane lo ritroviamo in libreria con il suo sesto libro di poesia, Il sangue amaro, einaudiano, come il resto della sua produzione da quasi un ventennio.

  • Il sogno e il viaggio di Samia

    Non dirmi che hai paura

    di Giacomo Raccis

    Quella di Samia Yusuf Omar è la storia di una ragazza dotata di un sogno e di gambe veloci, che dalla polvere delle strade di Mogadiscio riesce ad arrivare fino al tartan in mondovisione delle Olimpiadi di Pechino 2008, per rappresentare con orgoglio i colori di un popolo, quello somalo, oppresso dalla guerra. Giuseppe Catozzella si prende carico della storia di Samia e con Non dirmi che hai paura (Feltrinelli 2014) prova a raccontare dalla prospettiva della ragazza la tragica parabola che dopo averla innalzata agli onori della cronaca sportiva mondiale la vede ritornare in patria e intraprendere un viaggio della speranza…

  • Per una nuova fantascienza: Snowpiercer di Bong Joon-ho

    Snowpiercer-8-Small-600x400

    di Niccolò Petruzzelli

    Snowpiercer è il miglior film di fantascienza uscito negli ultimi anni, riuscitissima miscela di sensibilità orientale ed occidentale, diverso da tutto ciò che il pubblico generalista è abituato a vedere.

  • La splendida leggerezza dell’essere pop: Perturbazione, Musica X

    Perturbazione

    di Davide Zanini

    Voglio giocare a carte scoperte, quindi lo dico subito: i Perturbazione sono una delle mie band preferite e, più specificamente, li reputo il miglior gruppo pop italiano. Questo mio apprezzamento per la formazione di Rivoli è dovuto a più fattori: innanzitutto, canzoni bellissime, con uno stile che – pur partendo dall’influenza dell’indie pop britannico (Smiths, Belle and Sebastian) e della migliore tradizione pop e cantautorale italiana – sa essere personale e ormai riconoscibilissimo; una poetica insieme leggera e profonda, semplice ma mai banale, incentrata sulle esperienze quotidiane e sulle piccole cose (che sono poi quelle realmente importanti) della vita di ognuno di noi…

  • Marcel Cerdan, “le Bombardier marocain”

    Cerdan 1

    di Francesco Casati

    Marcel ha sangue bastardo, riunisce i continenti nella sua biografia. La mamma spagnola, lui nato in Algeria nel 1916: Sid Bel-Abbes, sede della legione straniera, mal d’Africa che non ha ancora abbandonato i sogni colonialisti di una Francia aggrappata alla propria visione imperialista. Padre macellaio, ex pugile, che insegna la vita ai propri figli a colpi di cinghia. Marcel condivide gioie e dolori insieme ai suoi 3 fratelli, modesti boxeur professionisti anch’essi. Marcel li anticipa tutti, a 8 anni è già sul ring.

  • McCarthy & co.: l’amara epopea degli scrittori prestati agli studios

    the counselor 2

    di Andrea Serventi

    La firma di Cormac McCarthy sulla sceneggiatura di The Counselor. non ha salvato il flim da un vero e proprio flop, in patria e non solo. Da Fitzgerald a Bret Easton Ellis, l’epopea degli scrittori prestati agli studios, tra successi e fallimenti.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.523 follower